Roma - 05/05/2014
Linee guida per i monitoraggi microsismici
Gruppo di lavoro CIRM per la definizione di linee guida per i monitoraggi microsismici, delle deformazioni del suolo e delle pressioni: finalità e stato dei lavori al 5 maggio 2014.
Torna alla pagina precedente

Il 27 febbraio 2014, per dar seguito alle Raccomandazioni della Commissione ICHESE, il Ministero, nell’ambito della Commissione per gli Idrocarburi e le Risorse Minerarie (CIRM), ha istituito un Gruppo di Lavoro per la definizione di indirizzi e linee guida per il monitoraggio della microsismicità, delle deformazioni del suolo e della pressione di poro nell’ambito delle attività antropiche.

Componenti del gruppo di lavoro: ing. Gilberto Dialuce (MISE - coordinatore), prof. Carlo Doglioni (Università di Roma), prof. Paolo Gasparini (Università di Napoli “Federico II”), prof. Aldo Zollo (Università di Napoli “Federico II”), dott. Enrico Priolo (OGS), dott. Claudio Chiarabba (INGV), dott.ssa Daniela Di Bucci (Dipartimento della Protezione Civile), ing. Riccardo Lanari (CNR).

I compiti affidati al Gruppo di Lavoro sono definiti nel decreto di costituzione dove, considerando le Raccomandazioni contenute nel Report ICHESE, e ritenuto opportuno e urgente fornire agli operatori linee guida operative per l’esercizio delle attività di coltivazione e stoccaggio, si individua quale finalità del Gruppo la definizione di indirizzi e linee guida per il monitoraggio della microsismicità, delle deformazioni del suolo e della pressione di poro nell’ambito delle attività antropiche, in base allo “stato dell’arte”, cioè in base ai più alti livelli di sviluppo e conoscenza attualmente disponibili.
Il lavoro da svolgere è complesso, in quanto attualmente non sono disponibili, per questo tipo di monitoraggi, protocolli consolidati e, in particolare, non sono stati ancora definiti criteri per la valutazione contestuale dei tre parametri monitorati.
Le modalità operative del Gruppo di Lavoro si articolano in riunioni presso il Ministero dello Sviluppo Economico e presso l’Università di Napoli; la condivisione dei documenti di lavoro su piattaforme informatiche; audizioni delle Società che eserciscono monitoraggi microsismici e altimetrici attivi in Italia; scambi delle esperienze operative degli Enti i cui rappresentanti sono nel Gruppo di Lavoro.
Il Gruppo si è già riunito a Roma in sessione plenaria tre volte, 27 febbraio, 12 marzo, 7 aprile 2014, e a Napoli il 15 aprile.

Nell’ambito dei lavori sono stati raccolti e organizzati i dati e le informazioni sulle attività di produzione di idrocarburi e stoccaggio di gas naturale in sotterraneo attualmente in corso in Italia e sulle caratteristiche delle reti di monitoraggio altimetrico e microsismico ad oggi attive.
La predisposizione delle linee guida comporterà l’individuazione delle modalità per assicurare la massima trasparenza e oggettività dei monitoraggi stessi e della divulgazione delle informazioni, nonché i criteri e le procedure per l’individuazione delle strutture che, in base alle proprie competenze, potranno gestire le reti di monitoraggio, analizzare i dati che verranno raccolti e renderli disponibili alle società che svolgono attività di coltivazione e stoccaggio di idrocarburi.
Il Gruppo ha già concordato la struttura delle linee guida. Sono stati costituiti sottogruppi che, in base alle specifiche competenze dei componenti, svilupperanno le diverse tematiche. La prossima riunione è prevista entro la prima metà di maggio; in quella sede verrà discussa la prima bozza del lavoro.

Il testo delle linee guida, prima di essere reso operativo, verrà illustrato agli stakeholder per raccogliere eventuali osservazioni.
Nessun compenso è previsto per i componenti del Gruppo di Lavoro. Gli enti di appartenenza si fanno carico delle spese sostenute per la partecipazione alle riunioni.