Roma - 13/10/2015
Collaborazione tra Marina Militare e MISE per la sicurezza offshore
Attività scientifica nelle zone marine aperte alla ricerca e produzione di idrocarburi
Torna alla pagina precedente

Nel periodo 27-30 settembre la Nave Aretusa, unità idrografica della Marina Militare, ha condotto attività di mappatura del fondale nelle acque antistanti Pozzallo a favore del Ministero dello sviluppo economico - Direzione generale per le risorse minerarie ed energetiche.
L’unità grazie a ecoscandagli di ultima generazione ed alla professionalità del personale imbarcato, ha effettuato 93 ore di attività scandagliando un'area di circa 13 miglia quadrate. I dati acquisiti permetteranno al MISE di avere una aggiornata e dettagliata conoscenza del fondale marino nelle aree di possibile sviluppo delle attività minerarie. Le operazioni si inquadrano all'interno dell'accordo di collaborazione tra la Marina Militare ed il Ministero dello sviluppo economico, per l’incremento della sicurezza delle attività offshore e rientra nel concetto di Forza Armata "dual-use", ovvero Unità navali che svolgono anche attività non militari a favore delle altre amministrazioni, enti di ricerca ed università, realizzando, al contempo, un significativo risparmio di risorse ai bilanci dello Stato, nell'ottica di migliorare le sinergie tra amministrazioni nel comune interesse del Paese.