Bonus Idrocarburi per i residenti della Basilicata
Incontro del 20 settembre 2013 fra Direzione generale per le risorse minerarie ed energetiche del Ministero, ADICONSUM e Poste Italiane su alcune criticità riscontrate nell’erogazione del Bonus di 140,25 euro.
Torna alla pagina precedente

20 settembre 2013
Direzione generale per le risorse minerarie ed energetiche - ADICONSUM - Poste Italiane
COMUNICATO CONGIUNTO

In data odierna l’Associazione difesa Consumatori e Ambiente promossa dalla CISL “ADICONSUM” ha svolto un incontro presso il Ministero dello sviluppo economico – Dipartimento per l’Energia – Direzione generale per le risorse minerarie ed energetiche - con i funzionari di Poste Italiane sulle criticità inerenti le condizioni che hanno portato al mancato accredito di un certo numero di “bonus idrocarburi” di 140,25 euro, la cui erogazione avrebbe dovuto essere stata effettuata entro il 7 febbraio 2013.

I funzionari del Ministero hanno assicurato che permangono le condizioni, fino al 30 settembre prossimo, per riconoscere la validità delle segnalazioni che saranno trasmesse entro quella data, anche usufruendo delle pagine internet appositamente messe a disposizione, all’indirizzo: http://unmig.sviluppoeconomico.gov.it/unmig/bonus/verifica/verifica.asp.
In relazione alla capienza del fondo, si procederà in seguito agli accrediti per gli utenti in regola con i requisiti richiesti alla data del 31 dicembre 2011.

Poste Italiane ha illustrato le diverse tipologie di casi per i quali c’è stato un ritardo nel corrispondere alle richieste sollevate, confermando di essere in grado di rispondere a condizioni di assistenza richiesta dagli Utenti attraverso il proprio call-center, consultabile al numero verde 800.003.322, e gli altri canali indicati nelle pagine del proprio sito internet, all’indirizzo: http://www.poste.it/carta_idrocarburi/assistenza.shtml.

ADICONSUM ha consegnato nel corso dell’incontro le segnalazioni di circa 300 residenti di Potenza e provincia, raccolte grazie all’operato delle sedi territoriali, ricevendo ampia assicurazione sull’esame che Ministero e Poste Italiane, ciascuno per le proprie competenze, effettuerà al fine della risoluzione di ciascuno dei casi segnalati.