Royalties

Aliquote delle produzioni di idrocarburi

In Italia, i giacimenti di idrocarburi sono patrimonio indisponibile dello Stato (articolo 826 c.c.). Tuttavia lo Stato non si impegna direttamente nella ricerca e nel loro sfruttamento, che lascia in concessione ad imprese private.

Il concessionario è soggetto al rispetto dei programmi di lavoro, al pagamento di canoni proporzionati alla superficie coperta dai titoli minerari e al pagamento di royalties, proporzionate alle quantità di idrocarburi prodotte.

Il calcolo delle royalties dovute è effettuato in controvalore, calcolato su prezzi medi del mercato del petrolio e del gas. Per quanto riguarda il gas, l’apprezzamento non può essere inferiore a quello definito dall’Autorità per l'energia elettrica e il gas per mezzo dell'indice QE (quota energetica costo materia prima gas) espresso in euro/GJ e calcolato per ciascun trimestre dell'anno di produzione.

 

Gettito royalties

I seguenti dati sono pubblicati dalla DGS-UNMIG per conto della DGSAIE che è la Direzione generale competente in materia.

Gettito royalties anno 2018

Proventi delle royalties applicate alle produzioni idrocarburi degli anni 2016 e 2017
Dati al 31 luglio 2018 - Aggiornamento del 2 agosto 2018 (con esito aste produzioni 2016 versate a Gennaio e Febbraio 2018 relative alle produzioni 2016).

 

Indicazioni generali sulle royalties applicate alle produzioni di idrocarburi

Le produzioni delle concessioni di coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi sono soggette a royalties per la quota eccedente le produzioni annuali indicate nella seguente tabella. Ai quantitativi di prodotto che superano la quota esente, sono applicate aliquote royalties in relazione alla collocazione mare/terra della concessione (rif.to: articolo 19 del Decreto Legislativo 25 novembre 1996, n. 625)

Minerale prodotto Ubicazione concessione Quota annuale di produzione esente da royalties Aliquota royalty (a) (b) Fondo sviluppo economico e social card (c)  Aliquota ambiente e sicurezza (d)
Olio Terra 20.000 tonnellate 0,07 0,03  
Olio Mare 50.000 tonnellate 0,04   0,03
Gas Terra 25 milioni di metri cubi 0,07 0,03  
Gas Mare 80 milioni di metri cubi 0,07   0,03

 

Destinazione delle aliquote in valore

  1. Aliquota del 7% per produzioni in terraferma:
    • Stato = 30% (A decorrere dal 1° gennaio 1999, per le concessioni ricadenti nelle Regioni a statuto ordinario incluse nel Mezzogiorno, l'aliquota destinata allo Stato è direttamente corrisposta alla Regione - art.20, comma 1-bis, decreto legislativo n.625/1996, comma introdotto dalla legge n.140/1999, art.7, comma 6 e modificato dalla legge 296/2006, finanziaria 2007, comma 366)
    • Regione = 55%
    • Comuni = 15%
  2. Aliquote del 4% (olio) e del 7% (gas) per produzioni in mare
    • Mare territoriale
      • Stato = 45%
      • Regione = 55%
    • Piattaforma continentale
      • Stato = 100%
  3. Aliquote del 3% per produzioni derivanti da concessioni e ottenute attraverso pozzi in terraferma
    Versate interamente allo Stato per alimentare il fondo destinato a misure di sviluppo economico e all’attivazione di una social card.
  4. Aliquote del 3% per produzioni derivanti da concessioni in mare
    Versate interamente allo Stato e destinate per il 50% al Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare per assicurare il pieno svolgimento delle azioni di monitoraggio e contrasto dell’inquinamento marino e per il restante 50% al Ministero dello sviluppo economico per assicurare il pieno svolgimento delle attività di vigilanza e controllo della sicurezza anche ambientale degli impianti di ricerca e coltivazione in mare.

 


Questa pagina ti è stata utile?

NO