Zonazione geotermica del territorio italiano

L’interesse generale per la Geotermia, che rispetto ad altre fonti di energia rinnovabile assume particolare importanza per le sue caratteristiche di continuità e programmabilità, è stato di recente evidenziato dalla Commissione per l’Energia Sostenibile dell’UNECE United Nations Economic Commission for Europe con la pubblicazione a settembre 2016 delle specifiche di uno standard unificato per la presentazione di progetti attinenti lo sfruttamento geotermico.
In Italia un particolare interesse verso la geotermia è stato riscontrato prima della pubblicazione delle suddette specifiche nei lavori delle Commissioni Riunite VIII, Ambiente, territorio e lavori pubblici e X, Attività produttive, commercio e turismo, che nella seduta del 15 aprile 2015 hanno approvato all’unanimità una risoluzione che ha impegnato il Governo, tra l’altro, ad avviare le procedure di zonazione del territorio italiano, nonché ad emanare le linee guida per l’utilizzazione della risorsa geotermica, mirate ad individuare anche i criteri generali di valutazione, finalizzati allo sfruttamento in sicurezza della risorsa.
A conclusione di un lavoro che ha coinvolto il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, i rappresentanti del mondo universitario e della ricerca scientifica, le amministrazioni regionali principalmente interessate ai progetti geotermici e gli operatori di settore, nel mese di ottobre 2016 la Direzione Generale per la sicurezza anche ambientale delle attività minerarie e energetiche ha pubblicato il documento Linee guida per l’utilizzazione della risorsa geotermica a media e alta entalpia, che fornisce, come richiesto, anche i criteri per l’utilizzo della risorsa geotermica in sicurezza.
A complemento dell’impegno sul fronte delle linee guida, con la presente zonazione geotermica del territorio italiano, sviluppata nel dettaglio su base comunale, è stato messo a punto uno strumento informatico efficace e versatile, oggetto della presente pubblicazione, che consente l’identificazione sul territorio nazionale delle potenziali aree di interesse geotermico, sulle quali eventualmente avviare ulteriori approfondimenti.
L’attività svolta si è basata sulla elaborazione di una notevole mole di informazioni disponibili nell’inventario delle risorse geotermiche nazionali della Direzione Generale per la sicurezza anche ambientale delle attività minerarie e energetiche.

Zonazione geotermica del territorio italiano

Database in formato shapefile
Potenziale geotermico dei comuni
Temperature a 1000 m di profondità
Temperature a 2000 m di profondità
Temperature a 3000 m di profondità
Flusso di calore
Tetto dei carbonati

Tabella dati
Tabella potenziale geotermico dei comuni


Questa pagina ti è stata utile?

NO